Feeds:
Articoli
Commenti

Poesia 2012

Dove sei finita

mio perduto amore

in quale Condominio?

Premio Strega: Nesi In Pole Position

Edoardo Nesi (classe 1964, come me) è colui che ha tradotto  INFINITE JEST di DAVID FOSTER WALLACE , il romanzo  sine qua non della letteratura mondiale terzo millennio (cazzo scrivo?) . Edoardo Nesi è amico di Sandro Veronesi, [purtropo forse anche di Batini, la guida dellla letteratura di www.supereva.it ]
Questo per me basta e avanza perche lo vinca lui il premio “o/strega” pur non evendo letto una riga di lui!!.
In corsa anche il “troppo buono” Maggiani – di cui ho letto qualcos-i-na  che comedire non mi ha proprio cambiato la vita e  che vi anticipo arriverà terzo.

Nota: non lo vinse, ma lo ha vinto quest’anno.Che dire, ci vedevo lungo?

anche teresa ha un ragazzo

anche teresa ha un ragazzo

Anche Teresa anche se non porta nessun anello ha il ragazzo. E’ appassionata e sincera del suo lavoro, maglrado il suo alito leggermente alcolico, strascico di un apertivo un mojito con il suo ragazzo .Lavora in uno studio di architettura del centro di Firenze dal nome molto HEAP , ma lei non è la solita figlia di papa e ha un corpo formoso ma per nulla valorizzato dal suo modo di vestire molto casual e quindi molto più COOL delle solite ragazze col tacco 12 e tutte in tiro con cui di solito ho a che fare io io. Le sue origini modeste e il suo essere così HIGH/Hip e not DOWN fanno buon gioco allo studio  di cui parlavo QUI sopra che è si a Firenze (ancora torna questa città che noia, città veramnete boriosa, la piu grande fornitrice di giocatori tamarri ex nobili decaduti alle varie tramissioni spazzaturose della tv cancro) ma potrebbe essere benissimo a NY e ce la vedo ora Sara Jessica Park che ci entra per comprare qualcosa per la sua triste casa da zittella a manhattan, insieme alle sue amiche maiale, Samantha, Martina o come diavolo si chiamano.E’ eccitata  e gentile Teresa quando parla del suo lavoro, è gentile, ricordate, non è figlia di papa, per cui è gentile persino rassicurante sul destino della mia catapecchia da disadattato in un rapporto fusionale con la madre….

Mi presento sono s g e se avessi soldi comprerei una Smart bianca per girare per la boriosa città, inviterei Sara Jessica Parker da Revouir per una cioccolata calda, ci andrei vestito con un completo Dolce e Gabbana e scarpe TODDS, la porterei a visitare tutti i musei del mondo a cominciare da San Pietroburgo, Leningrado, Stalingrado
-qui ci starebbe bene come colonna sonora Kiss di Prince che dice Tony Topazio devi immaginartelo che te la canta in mutande leopardate, seguono i Caro Emerald GLI unici che possono consolarmi della perdita della mia venerata Amy,Winehouse, poi i Red Hot Chilli Pepper che ti scivolano nell vene  ma sono meglio ORA che Prima, in questo Tony sbaglia, Americani popolo di ubriaconi. dice Tony e mi fa ridere,.
Tornando ai classici,  tipo Jane Austin Scott Fitzgerrard, Tony passa  Back to My roots
( c’erano già i Tinariwen li dentro oltre che tutta la muscia etnica o porno etnica).
Poi Disperato erotico stomp poetica alla bukosky, non so se hai presente una puttana ottimista e di sinistra)

Mi piacciono molto
ode a avvocatessa 2
quei tuoi occhi marroni e tondi

da pitbull ringhiante

 

quindi è tutto regolare????

regolare

Lo portarono via in duecento, peccato fosse solo quando se ne andò

Dice Sceiene che questo Festival è stato molto di destra e che al confronto Pippo Baudo era Che Guevara. Io penso  che Sceienne
abbia molta ragione
(in Italia ci sono pochi veri grandi poeti
http://www.youtube.com/watch/v/6E88ZjH61TU

Nella la città dei fiori disse chi lo vide passare
che forse aveva bevuto troppo ma per lui era normale.
Qualcuno pensò fu problema di donne,
un altro disse proprio come Marylin Monroe.
Lo portarono via in duecento,
peccato fosse solo quando se ne andò.
La notte che presero il vino e ci lavarono la strada.
Chi ha ucciso quel giovane angelo che girava senza spada?

E l’uomo della televisione disse:
"Nessuna lacrima vada sprecata, in fin dei conti cosa
c’è di più bello della vita, la primavera è quasi cominciata".
Qualcuno ricordò che aveva dei debiti,
mormorò sottobanco che quello era il motivo.
Era pieno di tranquillanti, ma non era un ragazzo cattivo.
La notte che presero le sue mani
e le usarono per un applauso più forte.
Chi ha ucciso il piccolo principe che non credeva nella morte?

E lontano lontano si può dire di tutto,
non che il silenzio non sia stato osservato.
L’inviato della pagina musicale scrisse:
"Tutto è stato pagato".
Si ritrovarono dietro il palco,
con gli occhi sudati e le mani in tasca,
tutti dicevano "Io sono stato suo padre!",
purchè lo spettacolo non finisca.
La notte che tutti andarono a cena
e canticchiarono "La vie en rose".
Chi ha ucciso il figlio della portiera,
che aveva fretta e che non si fermò?

E così fù la fine del gioco,
con gli amici venuti da lontano,
a deporre una rosa sulla cronaca nera,
a chiudere un occhio, a stringere una mano.
Alcuni lo ricordano ancora mentre accende una sigaretta,
altri ne hanno fatto un monumento
per dimenticare un pò più in fretta.
La notte che presero il vino e ci lavarono la strada.
Chi ha ucciso quel giovane angelo che girava senza spada?

Ascoltando con il nastro rosa di Battisti Mogol mi è venuto da pensare quale fosse la chiave del successo di questa coppia di autori e forse ho capito.
 Deve essere l’assoluta medietà dei testi (colorata da strampaletezze [le casse del magazzine alune nere alcune rosse?] che la mente di Mogol produce in quantità quantomeno sospette).
Prendiamo questo brano, parla della cosa più comune del mondo la nascita di un amore ma non di un amore fra giovani ma di un amore fra persone ‘mature’ (40-50 anni) perchè allore il target di vendita dei dischi non erano i ragazzini come oggi ma bensì gli adulti , cioè i dischi, i 45 giri li comporavano i nostri genitori non noi.

"Chissà, chissà chi sei chissà che sarai
chissà che sarà di noi
lo scopriremo solo vivendo
Comunque adesso ho un po’ paura
ora che quest’avventura
sta diventando una storia vera
spero tanto tu sia sincera!"

  E’ la donna che potrebbe non essere sincera, era ancora un mondo in cui i maschi si credevano tutti di un pezzo! O facevano finta, come Mogol esprime perfettamente.
Tutti gli adulti maturi 40 50 si ritrovavano in questi versi..
Un ragazzino che bacia la sua prima fidanzatina non si fa dei dubbi pallosi del tipo chissà chissa che sara di noi ect, a meno che non sia un paranoico precoce.

"Mi sto accorgendo che son giunto dentro casa
con la mia cassa ancora con il nastro rosa
e non vorrei aver sbagliato la mia spesa con la mia sposa."

A parte il tono simpatico allegro e scherzoso, rimangono i dubbi sulla Donna, mi sara fedele o la comprerà qualcun’altro- tipo pacco spesa:)?
Cero il genio musicale di Battisti passa sopra tutto e fa di questa canzone una cosa molto bella.